Incontro Corale Mariano

Immagine

Share via email
Share on MyspaceShare on Tumblr

IMG_0453 (Large)

Dopo i numerosi impegni della settimana santa e della Pasqua, il Coro Polifonico della Cattedrale, diretto da Antonella Cassetta, con la collaborazione organistica di Graziano Nicolasi, è al lavoro per l’allestimento dell’ormai tradizionale Incontro Corale Mariano, quest’anno giunto alla 23^ edizione, che avrà luogo sabato 2 maggio, con inizio alle ore 21.15, presso la Chiesa Cattedrale.

All’Incontro, che sin dalle sue origini riveste il carattere di filale omaggio alla Madonna, nel mese ad Ella particolarmente dedicato, prenderà parte quest’anno il coro tedesco Bischof Manfred Müller Schule di Regensburg (Ratisbona), col quale il Coro della Cattedrale siglerà uno speciale “patto di gemellaggio”.

Decisamente ragguardevole il programma proposto, sicuramente degno del patrocinio concesso dalla Civica Amministrazione e dalla Regione del Veneto, con la partecipazione del soprano adriese Simonetta Casellato e di numerosi strumentisti solisti, con l’esecuzione di musiche di Pachelbel, Bach,Haendel, Haydn, Mozart, Franck, Jenkins, Frisina, Maierhofer, Grössler e Carbonell Matarredona.

Nell’occasione verrà anche bandito il 2° Concorso Internazionale di Composizione di Musica Liturgica, intitolato all’indimenticato M° Mons. Luigi Pieressa, per oltre 40 anni organista e maestro di cappella della Cattedrale, docente presso il conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia; tale concorso avrà per oggetto una composizione per coro a voci miste e organo a testo obbligato (tratto da un inno di Padre David Maria Turoldo), con premiazione ed esecuzione del brano vincente in occasione della successiva edizione dell’Incontro Corale Mariano, prevista per il mese di maggio 2016.

TRE ANNI DALLA SCOMPARSA DI LUIGI DOATI Giovedì 16 aprile 2015 in Cattedrale alle ore 18 e 30

Immagine

Share via email
Share on MyspaceShare on Tumblr

DSC_0101

La celebrazione eucaristica, che è tenuta in Cattedrale giovedì 16 aprile alle ore 18,30 per ricordare e suffragare Doati Luigi, a tre anni dalla morte.

Il suo ricordo rimane vivo e pieno di riconoscenza in tutti noi, particolarmente nelle tante persone che sono state vicine alla nostra famiglia e pertanto desideriamo fraternamente commemorarlo con il dono della nostra preghiera, uniti ai nostri parenti e alle tante persone che l’hanno conosciuto e stimato.

Ricordo di “Gigi”

Vogliamo esprimere, come parenti e amici, la gratitudine al Signore per averci donato la sua persona.

Uomo di poche parole, essenziali e ponderate, di attenzione al prossimo, di rispetto e di ascolto con il cuore.

Ci voleva bene, in modo semplice e noi cercavamo di ricambiarlo.

Si affliggeva spesso di non poter essere di aiuto, tuttavia solo con la sua presenza ci rendeva sereni. Si interessava di tutti, specialmente della sua famiglia.

Siamo stati felici di far parte della sua famiglia dove siamo state accolte pienamente. Per noi non era un suocero ma un padre, un amico sincero e un nonno disponibile e amorevole. Un padre vero di vecchio stampo di quelli abituati a lavorare instancabilmente per poter mantenere la sua famiglia, senza mai concedersi pause e svaghi, cercando sempre di dare il massimo ai propri cari.

Uomo buono di poche parole, quelle necessarie ad esprimere la ricchezza interiore che traspariva anche dai suoi occhi, che centravano il cuore e che ci facevano comprendere quanto Lui ci volesse bene.

Aveva una mente fervida, geniale e sempre attiva. Ci lasciava sempre sbalorditi da come riusciva a creare in poco tempo cose belle e utili per se e per noi tutti: abiti, cappelli, camicie, pupazzi di stoffa per regalarli a noi tutti.

Era piacevole quando raccontava aneddoti della sua lunga vita; ascoltavamo interessati sia che raccontasse gli stenti della sua giovinezza, sia della guerra, della storia di Adria e dei suoi personaggi caratteristici.

Quando gli anni l’hanno reso bisognoso di aiuto, ci ha permesso di farlo, di stargli vicino, di proteggerlo. Lui docilmente si è lasciato guidare senza pretese, senza lamentarsi mai. Ringraziamo anche tutti quelli che ci hanno aiutato ad accudirlo e che ancora si ricordano di Lui.

Di sicuro il Signore darà a Luigi la felicità eterna in Paradiso insieme ai suoi cari, tanto da lui amati. Ci manca tantissimo la sua presenza, la casa è vuota senza di lui. Preghiamo il Signore perché finalmente in pace, dal Paradiso ci protegga tutti.

 

INCONTRO CONVIVIALE COL VESCOVO LUCIO VENERDI’ 17 APRILE

Immagine

Share via email
Share on MyspaceShare on Tumblr

CIRCOLO QUADRIFOGLIO DI ADRIA

INCONTRO CONVIVIALE COL VESCOVO LUCIO VENERDI’ 17 APRILE

IMG-20150417-WA0002

Il Vescovo di Adria – Rovigo, monsignor Lucio Soravito de Franceschi ha incontrato il Circolo Quadrifoglio venerdì scorso al Ristorante Molteni di Adria. Questo storico Circolo, nato nell’anno 1978 e formato inizialmente da un gruppo di dodici amici desiderosi di trascorrere qualche serata in compagnia, che decisero di ritrovarsi periodicamente, a tavola, per scambiarsi pareri e opinioni su varie tematiche che potevano interessare i commensali.

IMG-20150417-WA0001

Con il passare degli anni il gruppo si è sempre più allargato ad altri amici e simpatizzanti. Durante una di queste serate decisero di dare una forma più concreta e definita al gruppo, denominandolo “CIRCOLO QUADRIFOGLIO”.

IMG-20150417-WA0003

Perché Quadrifoglio?.. per l’intenzione di svolgere le future attività in quattro distinte direzioni: prima, incontri conviviali; seconda, organizzare gite turistiche e culturali; terza, impegnarsi in opere umanitarie, come borse di studio, offerte ecc.; quarta, donare alla città di Adria piccole opere monumentali di abbellimento che ne ricordino l’origine etrusca. Quest’ultima grazie all’apporto di un socio con grande capacità artistica, assieme ad amici che hanno raggiunto la casa del Padre.

IMG-20150417-WA0004

Pur essendo trascorsi trentasette anni, questi incontri continuano tutt’ora con cadenza mensile, ai quali sono invitati importanti ospiti di varie espressioni, come: storici, religiosi, giuristi, medici, insegnanti, artigiani, sportivi, ecc. che intrattengono i soci convenuti con argomenti di loro competenza.

IMG-20150417-WA0005

Di tutti gli incontri effettuati si conserva uno storico artistico Diario che, oltre ad annotazioni delle date, presenze e circostanze, riporta in forma significativa le argomentazioni trattate, curato da sempre dal Presidente Ulderico Geminiani. Il Vescovo, dopo il saluto di benvenuto dell’avv. Nicola Zambon, ha avuto parole di elogio per questa organizzazione, esprimendo apprezzamento per gli impegni assunti dal Circolo nei confronti sia del prossimo che delle realtà culturali della Città di Adria. Ha illustrato gli impegni che vedranno interessare la Chiesa al termine di questo anno e nel prossimo, come il Sinodo dei Vescovi sulla Famiglia e l’indizione da parte di Papa Francesco del Giubileo Straordinario della Misericordia come tempo favorevole per la Chiesa, perché renda più forte ed efficace la testimonianza dei credenti, con l’apertura, il prossimo 8 dicembre 2015, dell’Anno Santo.

IMG-20150417-WA0006

Il Circolo Quadrifoglio ha espresso a S. E. mons. Lucio Soravito vivo apprezzamento per le sue parole, complimentandosi con Lui per l’impegno profuso a tutti i livelli, in questi 11 anni di presenza in Diocesi e un calorosissimo saluto in considerazione della fine del suo mandato pastorale.

IMG-20150417-WA0008

Il presidente ha poi, dopo la tradizionale apposizione della dedica e firma del Vescovo Lucio sul Diario degli incontri, donato all’insigne ospite una pubblicazione storica sulla città di Adria accompagnata da una poesia particolare del poeta Franco Callegaro, composta per l’occasione.

 IMG-20150417-WA0009

GIOVANI DI ADRIA VERSO LA FESTA GIOVANI 2015

Immagine

Share via email
Share on MyspaceShare on Tumblr

giornata mondiale della giovent+¦ 2011

AL VIA SABATO E DOMENICA a LENDINARA la FESTAGIOVANI 2015, promossa dalla Diocesi di Adria-Rovigo

All’evento giovanile, promosso dalla Diocesi di Adria – Rovigo, che raccoglie i giovani delle Parrocchie, delle associazioni giovanili e dei movimenti, parteciperanno anche i giovani delle realtà giovanili adriesi. Sono in partenza per Lendinara nelle giornate di sabato e domenica circa un centinaio di giovani delle Scuole Superiori per prendere parte alla festa. Tra loro ci sono anche coloro che hanno già partecipato negli anni scorsi all’evento, ma anche chi per la prima volta si affaccia a tale proposta. In particolare parteciperanno i giovani delle parrocchie della Città: Cattedrale, Tomba, Carbonara e San Vigilio, ma anche dei paesi limitrofi come Baricetta, Bottrighe, Corbola e Ariano. Non mancheranno gli Scout AGESCI dei Gruppi Adria1 e Adria2 operanti in Città. La partenza dei giovani adriesi verso Lendinara è un primo passo verso Cracovia, in Polonia, la Città che ospiterà nel luglio 2016 la Giornata Mondiale della Gioventù, convocata da Papa Francesco, proprio nei luoghi dove nascque e crebbe il Papa San Giovanni Paolo II. La Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) rappresenta l’evento giovanile più importante, e dal 1986 ha radunato nelle principali città del mondo milioni di giovani per l’incontro tra i popoli nel segno della pace e per la preghiera, accompagnati dai Papi. L’organizzazione del viaggio in Polonia per i ragazzi di Adria e dintorni inzierà a partire dal Settembre 2015. Chi volesse partecipare potrà rivolgersi ai Parroci e a don Luca Borgna che ad Adria coordina le attività giovanili delle Parrocchie, facendo riferimento al Centro Giovanile San Pietro.

giornata mondiale della giovent+¦ 2013

Abbiamo rivolto alcune domande a don Fabio Finotello, Direttore dell’Ufficio di Pastorale Giovanile della Diocesi di Adria-Rovigo, coordinatore delle giornate di Lendinara.

lendinara1

Quale sarà il tema della festa?

Tu sei + bello: legami di bellezza” Questo il titolo condiviso dal Coordinamento e dalla Consulta di Pastorale Giovanile per Festagiovani2015. Parlare di legami significa allo stesso tempo parlare di fraternità e di condivisione. La fraternità che tanti ragazzi sentono fra di loro e quella che possono offrire ad altri: è questa fraternità che li fa belli, anzi, più belli, più belli del mondo, più belli come Gesù, il più bello di tutti, perché perfino il suo volto rigato di sangue non ha visto scomparire la bellezza di chi stava dando la vita. E quella bellezza brillerà, vittoriosa e mai sepolta, sul volto dei nostri ragazzi raccolti alla festa.

Che cosa si farà alla Festa?

Ci saranno momenti musicali, teatrali, di preghiera, culturali, di visita alla città. Sarà una festa in movimento che toccherà le vie, le piazze, alcuni edifici storici, le Chiese, il Palazzetto dello Sport.

Quali i tempi della festa?

Nel pomeriggio i ragazzi saranno accolti dai rappresentanti della Città in piazza Risorgimento per un primo momento di festa e di benvenuto. Alla sera ci si sposterà al palazzetto dello Sport per il Concerto e la testimonianza di Nicolò’ Agliardi, cantautore della serie televisiva Braccialetti Rossi. Alle 22.30 si snoderà per le vie di Lendinara una fiaccolata per ricordare i cristiani recentemente perseguitati in varie regioni del mondo. La fiaccolata, guidata dal Vescovo Lucio Soravito, si concluderà presso il Duomo di S. Sofia, dove alle ore 23.00 seguirà la celebrazione della Messa. Il programma prevede poi una “Notte Viva”, ovvero un tempo notturno di attività, esperienze ed incontri che si concluderanno alle 02.00.

Al mattino seguente la festa si concluderà con il lancio del messaggio finale ed il saluto da parte dei Sacerdoti giovani che nelle varie zone della Diocesi guidano le attività rivolte ai giovani.

Quanti saranno i giovani coinvolti?

I giovani che hanno chiesto la preiscrizione sono circa 500, ma contiamo di raggiungere i numeri dell’anno scorso durante l’intero svolgimento dell’evento. Quasi tutte le Parrocchie della Diocesi (sono 109), avranno almeno 1 rappresentante, anche la più piccola. L’evento non guarda solo ai numeri, ma cerca di coinvolgere tutto il territorio, specialmente le zone più periferiche che rischiano di morire isolandosi.

Festagiovani2015?

La FestaGiovani2015 di Lendinara è un evento che guarda avanti nel futuro: infatti apre un viaggio più lungo che culminerà nell’estate 2016 con la Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia, che si svolgerà nei luoghi dove visse il Papa San Giovanni Paolo II: tale circostanza rappresenta l’incontro giovanile più importante del mondo, cui prenderanno parte anche i giovani della Diocesi di Adria-Rovigo. Le iscrizioni per la GMG partiranno da settembre 2015, rivolgendosi ai parroci ed all’Ufficio Diocesano per la Pastorale Giovanile. Per partecipare alla Festa di Lendinara è possibile partecipare iscrivendosi direttamente all’infopoint che sarà allestito in piazza Risorgimento a partire dalle 15.00 di sabato 11 aprile.

Lendinara04

VIA CRUCIS CITTADINA NELLA SOLIDARIETA’ E NELLA FEDE Venerdì 3 aprile in Cattedrale alla presenza del Vescovo

Immagine

Share via email
Share on MyspaceShare on Tumblr

15_04_03 via crucis cittadina-0007

Quattro cortei oranti, composti dai fedeli delle quattro Parrocchie cittadine di Adria, si sono dati appuntamento in piazza antistante la Cattedrale per la conclusione della Via Crucis. Dopo la meditazione delle prime tredici Stazioni, i singoli gruppi si sono soffermati a meditare sulla Stazione conclusiva, che contempla la deposizione di Gesù nel Sepolcro prima della Resurrezione. La piazza che fino a poco prima era completamente vuota si è ben presto riempita di oltre un migliaio di persone desiderose di testimoniare la loro fede davanti al Mistero della Croce, entrando poi in Cattedrale dove sono stati accolti dal Vescovo Lucio.

15_04_03 via crucis cittadina-0001

Accanto a Lui hanno preso posto i Parroci, e i Presbiteri e, nell’introdurre l’incontro di fede mons. Soravito ha spiegato che quest’anno sono molti i motivi che spingono i cristiani ad esprimere il loro credo manifestando sentimenti di solidarietà ed attenzione verso i fratelli che soffrono.

15_04_03 via crucis cittadina-0002

Il Vescovo Lucio ha ricordato la testimonianza di Gesù Cristo sulla Croce, alla quale tutti gli uomini devono guardare con fede per raggiungere la salvezza eterna. Dalle tragedie, ha detto il Vescovo, i cristiani devono uscire rafforzati nella fede in Cristo, unico riferimento certo quando tutto attorno a noi sembra in rovina.

15_04_03 via crucis cittadina-0003

 15_04_03 via crucis cittadina-0004 15_04_03 via crucis cittadina-0005 15_04_03 via crucis cittadina-000615_04_03 via crucis cittadina-0008