SOLENNITA’ DEI SANTI PIETRO E PAOLO domenica 29 giugno 2014

Immagine

IMG_7705

Una via, un quartiere, uno dei primi scoli di bonifica portano il suo nome. San Pietro è sempre stato amico di Adria. La sua effigie domina l’intera città dall’alto della cuspide bizantina della rinnovata torre campanaria. La sua immagine benedicente scolpita nel legno, pulita e ripristinata dal compianto maestro Lino Berti, esposta nella Cattedrale dedicata dal 1882 anche all’apostolo Paolo. Fino a quella data, però, la Cattedrale portava esclusivamente il titolo di San Pietro. Nel giorno della festa, il 29 giugno, la statua del santo viene portata a spalla in processione nella piazza antistante la Cattedrale. Tutto questo significa che la festa di San Pietro, primo patrono della Città e della Cattedrale, è innanzitutto una festa religiosa. Il culto di Pietro appare nelle Comunità cristiane più antiche, tra le quali è annoverata Adria, dove il cristianesimo fu quasi certamente introdotto da Ravenna. Ne dà conferma la preziosa icona egiziana riferita al Concilio di Efeso (431), che testimonia il forte radicamento al culto della Madre di Dio risalente ai primi secoli della Chiesa. Attraverso i secoli il popolo cristiano ha sempre celebrato le feste patronali con grande gioia abbinando l’aspetto religioso a quello civile e, La Pensa, rieditata in questi ultimi anni, va a significare l’antico rapporto sacro – profano della Festa patronale.

IMG_7566

La solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo ha acquistato quest’anno un particolare significato per la nostra Diocesi per il gioioso ricordo del decimo anniversario della Consacrazione Episcopale di mons. Vescovo e della sua Presenza in mezzo a noi.

IMG_7568

Pertanto la solenne Concelebrazione della sera, che si è tenuta alle ore 19,00 presieduta da mons. Vescovo, ha visto la presenza dei Canonici, dei Parroci della Città, di molti Sacerdoti provenienti dall’intera Diocesi e delle autorità civili con la presenza anche del Prefetto Francesco Provolo, del Sindaco Massimo Barbujani con il vicepresidente della Fondazione CARIPARO e altre autorità cittadine.

IMG_7602

Si è inteso così, mantenendo la tradizione annuale, onorare i Santi Patroni della Cattedrale e della Città, e stringerci in preghiera non solo per la nostra Città, ma anche per la nostra Diocesi, per il Papa Francesco, e particolarmente per il nostro Vescovo Lucio, verso il quale si esprime con riconoscenza tutta la nostra comunione. Con la Processione conclusiva, che si è tenuta in Piazza Castello al termine della S. Messa, si è inteso riaffidare pubblicamente al Signore, attraverso l’intercessione dei nostri Santi Patroni, i problemi, le situazioni e le speranze delle nostre famiglie e particolarmente rinnovare le nostre radici cristiane. 

IMG_7716IMG_7606 IMG_7624 IMG_7635 IMG_7675 IMG_7683 IMG_7684 IMG_7688 IMG_7695

BENEDETTI DAL VESCOVO I LAVORI DEL MUSEO

Immagine

(cliccare sul link per visualizzare il Cartello dei lavori in .pdf)

Cartello Adria 2014

IMG_6907

Il Museo della Cattedrale che sta per essere realizzato non deve essere considerato come una semplice esposizione di oggetti sacri non più adatti all’uso liturgico ma questa realtà che sta per nascere deve servire da stimolo per conoscere ed approfondire la storia cristiana del Polesine percorrendo le varie tappe di un cammino di fede ultramillenario. Con questo invito il Vescovo Lucio Soravito ha solennemente benedetto l’inizio dei lavori per il Museo della Cattedrale non tralasciando di soffermarsi brevemente sulla storia delle Cattedrali Adriesi. Il Vescovo non ha voluto mancare all’appuntamento di venerdì sera 27 giugno 2014 nella Cattedrale di San Giovanni affollata di fedeli e cittadini desiderosi di conoscere più nel dettaglio l’iniziativa che darà ampio respiro culturale alla città ed al territorio.

IMG_6850

E’ stata una cerimonia semplice ma significativa perché ha posto in risalto il valore di un progetto maturato dall’Arciprete Mons. Mario Furini fin dal suo ingresso avvenuto nell’ottobre 1999. Proprio Mons. Mario Furini nell’annunciare l’avvio dei lavori si è detto fiducioso che la struttura museale darà visibilità e risalto alle cose preziose che l’antica Cattedrale custodisce aggiungendo che questo sarà a beneficio della cultura, della città e della diocesi tutta. L’Arciprete non ha mancato di ringraziare il Vescovo per il sostegno morale dato all’opera ponendo in risalto l’apporto economico fondamentale fornito dalla Fondazione CARIPARO, rappresentata per l’occasione dal Consigliere Prof. Livio Crepaldi, e dalla Soprintendenza di Verona per il tramite della Dott.ssa Donata Samadelli. L’incontro è poi proseguito con un breve saluto dello stesso Prof. Crepaldi al quale sono seguiti il Sindaco e l’Assessore Regionale Isi Coppola che ha assicurato il pieno sostegno all’iniziativa da parte della Regione Veneto.

IMG_6851

Dopo i saluti di rito l’Arch. Nicola Azzi ha presentato brevemente i lavori del primo stralcio che interesseranno i locali adiacenti la Cattedrale di San Giovanni nei quali saranno collocati gli oggetti sacri entro moderne teche espositive. Il Museo si articolerà su piani diversi raggiungibili sia con un sistema di scale che tramite un moderno ascensore. Nell’occasione l’Architetto Azzi nella duplice veste di progettista e direttore dei lavori ha presentato le Ditte aggiudicatarie (BOARETTO Massimiliano, per le opere edili; FIAT LUX, per gli impianti tecnologici; PREFER per le opere in ferro; FRANZOSO snc, per gli interventi idraulici; ELPO per gli ascensori) e il tecnico responsabile per la sicurezza arch. Mauro Scarpa. All’incontro al quale erano presenti i membri del Consiglio Pastorale degli affari economici, hanno assistito il Vicario della Diocesi Mons. Gatti, il responsabile dell’Ufficio Culturale diocesano Mons. Seno, Mons. De Stefani, Mons. Azzi, Mons. Bernardinello ed altri sacerdoti.

IMG_6852

Prima della solenne Benedizione impartita dal Vescovo è stato pure riservato un breve spazio per la illustrazione degli oggetti sacri che andranno ad arricchire il percorso espositivo. Si tratta di circa duecento pezzi tra frammenti lapidei ed oggetti sacri non più d’uso liturgico corrente, ha precisato il Rag. Aldo Rondina, tutti già perfettamente restaurati a cura e spese della Soprintendenza di Verona. I periodi storici di riferimento degli oggetti variano tra il sec. XI ed il sec. XIX. Tra il materiale lapideo spiccano il vaso battesimale monolite con otto lati (sec. XI) ed inoltre i frammenti veramente preziosi degli altari di Michele da Firenze, allievo del Ghiberti che ha lavorato in Adria nel 1440 e quelli altrettanto preziosi dell’anonimo maestro del Monumento Fava che ha lavorato in Adria tra il 1440 e il 1460. Andranno quindi in esposizione suppellettili sacre in oro, argento, rame, avorio, legno la cui produzione è compresa tra i secc. XVI-XX. Particolarmente apprezzabili saranno poi le “pianete dei Vescovi” appartenute a tre presuli adriesi che hanno governato la diocesi tra il 1750 e il 1800. Si tratta dei paramenti sacri dei Vescovi Giovanni Soffietti, Federico Maria Molin e Arnaldo Speroni contrassegnati dagli stemmi episcopali. E’ stato infine osservato che con tutto il materiale a disposizione il Museo della Cattedrale è destinato a diventare “luogo di ripensamento” della Chiesa Madre della Diocesi.

IMG_6853

I lavori del primo stralcio del Museo Diocesano ora iniziati, prevedono la loro conclusione il 31 ottobre e lo renderanno già funzionale. Saranno possibili le visite guidate con l’inizio dell’ anno 2015.

IMG_6860 IMG_6890 IMG_6893 IMG_6904

Comunicato stampa inizio lavori museo cattedrale adria

Immagine

CATTEDRALE ADRIA veduta esterna

Comunichiamo che venerdì 27 giugno p.v., alle ore 19.30, mons. Vescovo darà inizio ufficiale con la sua benedizione ai lavori per il primo stralcio del Museo della Cattedrale, che sarà situato nei locali annessi alla Chiesa di San Giovanni con entrata da Piazzetta Campanile.

 Madonna di Efeso - bassorilievo coopto custodito in Cattedrale

E’ giunto finalmente il momento tanto desiderato per iniziare tale opera, che verrà a presentare al pubblico una documentazione preziosa della storia di fede della Cattedrale, costituita da materiali lapidei e da preziosi suppellettili ed arredi liturgici.

A tale appuntamento sarà presente il progettista e direttore dei lavori Arch. Nicola Azzi, che presenterà brevemente l’iter dei lavori; saranno presenti le Ditte che si sono aggiudicate i lavori, i tecnici collaboratori, i membri del Consiglio Pastorale per gli affari economici.

La nostra particolarissima riconoscenza va alla Fondazione CARIPARO, che ha permesso con il suo finanziamento tali lavori, fiduciosi che anche altri Enti possano concorrere a tale opera, che viene ad onorare non solo la Cattedrale, ma tutta la Città di Adria e la Diocesi.

A nome anche del Consiglio Pastorale, La invitiamo a presenziare a tale cerimonia.

Con ogni ossequio.

 

Adria – Cattedrale, 20 giugno 2014

 

L’ARCIPRETE DELLA CATTEDRALE

Mons. Mario Furini

Domenica 22 Giugno 2014 Processione Corpus Domini e 29 Giugno Processione S. Pietro Cattedrale di Adria

Immagine

domenica 22 giugno 2014 avrà luogo la tradizionale
processione lungo le vie cittadine con partenza dalla Cattedrale ed arrivo alla Basilica della
Tomba.
La processione si svolgerà al termine della Solenne Concelebrazione che inizierà alle ore
18 e 30, presieduta dal Vescovo mons. Lucio Soravito de Franceschi con il Capitolo ed i Parroci
del capoluogo, alla presenza delle Autorità civili e militari della Città.

Inoltre, domenica 29 giugno 2014 è prevista la tradizionale
processione con la statua del Patrono San Pietro, dopo la S. Messa concelebrata in Cattedrale
dal nostro Vescovo Lucio alle ore 19,00 e si svolgerà nella piazza antistante la Chiesa. Con
l’occasione, alla presenza del Capitolo e di tanti Sacerdoti provenienti da tutta la Diocesi,
saranno ricordati i 10 anni dall’Ordinazione e di presenza di mons. Soravito de Franceschi
come Pastore della nostra Diocesi.

Scuola e Famiglia insieme per la “Festa Grande” di fine anno!

Immagine

F Fam 2014_tutti insieme

Nel pomeriggio di sabato 7 giugno 2014 presso il grande Parco Attrezzato della Scuola dell’infanzia M. Immacolata si è svolta la tradizionale festa di fine anno con una rappresentazione davvero speciale: illustrazione e dimostrazione del Progetto educativo “Festeggialberiamo”.

F Fam 2014_i piccoli attori in erba
E’ stata un’occasione per ritrovarsi tutti insieme, suore, personale della scuola, genitori, bambini, con la sempre preziosa collaborazione dei volontari del Gruppo del Venerdì.
I piccoli protagonisti accompagnati e guidati in questo percorso didattico dalle loro insegnanti (Lucia, Patrizia, Laura M., Laura R. e Rita) con il loro impegno e la loro spontaneità hanno regalato momenti di gioia, allegria e spensieratezza a tutti i numerosissimi presenti, dimostrando i risultati del loro percorso di crescita. E’ stato proposto dal gruppo bambini “grandi” il laboratorio di inglese, logico-matematico e fonologico con il canto e i vari cartelloni che hanno documentato le diverse attività svolte.
Per i 21 bambini “grandi” di cinque anni, il pomeriggio è stato ancora più emozionante: si è infatti svolta la consegna di “Diplomi” con il dono di un “cappello da laureato” quale ricordo dei tre anni trascorsi all’Asilo, dove hanno appreso ed hanno creato le basi per l’entrata nel mondo della Scuola Primaria.

F Fam 2014_la conduttrice maestra Lucia Ferlini
Anche i “piccoli” bambini della Sezione Primavera hanno ricevuto in dono la consegna di un cappellino colorato che segna il passaggio alla scuola dell’infanzia.
I genitori hanno voluto ringraziare l’intero personale docente e ausiliario, le religiose e i tanti volontari per il sempre prezioso lodevole impegno dimostrato nei confronti dei loro bambini.

F Fam 2014_le maestre Patrizia Portesan e Laura Ronconi
Non è mancato il ringraziamento delle mamme dei bambini dell’ultimo anno ma soprattutto dei bambini che hanno letto e dedicato a sorpresa una saluto proprio alle loro maestre. Le insegnanti con un pizzico di nostalgia e tanta emozione hanno augurato ai loro bambini buona prosecuzione scolastica e di vivere serenamente e con gioia l’inserimento nella futura “nuova scuola”.

il Gruppo del Venerd+¼ con il Personale della Scuola 2014
L’attività della scuola dell’Infanzia non si conclude però qui, proseguirà regolarmente sino al 30 giugno con le proprie attività didattiche.
Continuerà poi, per venire incontro alle necessità delle famiglie che ne stanno facendo richiesta, con l’Attività Estiva quest’anno denominata “Bibo presenta il Delta del Po“, che si svilupperà per quattro settimane a partire dal 1 luglio, con possibilità del tempo pieno, pranzo compreso. Continuano anche le iscrizioni per il prossimo anno scolastico, sia per l’Infanzia che per la sezione Primavera (24-36 mesi).

F Fam 2014_il folto pubblico presente F Fam 2014_la sezione Primavera con la maestra Laura Ronconi F Fam 2014_saluti del Presidente mons. Furini

FORMARSI PER ACCOGLERE – INCONTRO DELL’AZIONE CATTOLICA PARROCCHIALE

Immagine

CATTEDRALE ADRIA veduta esterna

Un incontro sul tema “Dinamismo missionario dell’Azione Cattolica e della parrocchia”, un momento di riflessione proposto appunto dall’Azione Cattolica della Cattedrale e aperto a tutti i fedeli delle parrocchie della città e delle

  • frazioni, si è tenuto domenica 25 maggio 2014, alle ore 16,30, nella chiesa di S.

Giovanni della Cattedrale di Adria . L’Assemblea ha voluto essere ilproseguo di quell’esperienza già vissuta nello scorso mese di marzo e che ha visto l’analisi del documento del Vescovo “Popolo di Dio in missione”, come incontro comune dei vari gruppi che forniamo la nostra A. C. Lo scopo di questi incontri generali è quello di condividere tematiche interessanti per tutti, uomini e donne, dando cosi uno stile unitario al gruppo di adulti di Azione Cattolica.

IMG_0090

Sono stati presi in esame, in questo secondo incontro, i documenti relativi all’Assemblea Nazionale di Azione Cattolica, all’Udienza del Papa riservata ai presidenti parrocchiali e ai loro assistenti, ai saluti dei Presidenti nazionali (quello uscente, Franco Miano ed iinuovo incaricato, Matteo Truffelli) e degli assistenti nazionali (quello uscente, mons. Sigalini ed iinuovo incaricato, mons. Mansueto Bianchi), interpretandoli con l’aiuto del nostro assistente, mons. Mario Furini.

Dopo l’introduzione della presidente, Anna Paola Fonso, che ha delineato le motivazioni dell’incontro e l’obiettivo prefissato, sono intervenuti i vice· presidenti Mario Vianello e Chiara Piombo, quest’ultima in particolare, con la socia Antonella, ha riferito la sua esperienza diretta all’Udienza papale, momento irrepetibile e stimolante per continuare nell’impegno assunto.

Prezioso è stato l’inten1ento del prof. Livio Crepaldi , che, con il suo stile e la sua

lunga esperienza associativa, ha ricordato vari momenti vissuti all’interno del gruppo, incoraggiando i presenti a perseverare nel cammino intrapreso. La Presidente ha ribadito infine l’importanza di assegnare iigiusto significato agli incontri perche i soci non siano “cavalli senza briglie”, che non sanno dove devono arrivare, ma perche possano fruire di un mezzo efficace per crescere come Chiesa. II pressante invito del Papa solleciti inoltre a non essere “cristiani da salotto” o da “bar-pasticceria”, ma cristiani a tempo pieno; “per essere liberi di fare il bene in una Chiesa in cui • come afferma papa Bergoglio: ognuno di noi capisce la necessita della presenza dell’Altro (Dio) e dell’altro (prossimo)”.

Questo modo di fare Azione Cattolica è sembrato a tutti un’occasione per stare insieme, ma soprattutto per ritrovarci più motivati nel nostro cammino formativo.

INAUGURAZIONE ATTIVITA’ ESTIVA E LOCALI RINNOVATI DEL CENTRO GIOVANILE S. PIETRO

Immagine

IMG_20140404_162837

Sabato 31 maggio 2014, alle ore 15.30 presso il Centro Giovanile San Pietro di via Pignara si terrà una breve Cerimonia di inaugurazione dell’Estate e di benedizione di alcuni ambienti rinnovati per l’attività giovanile e di animazione. Da anni è in corso una continua opera di cura ed aggiornamento delle strutture del Centro Giovanile che, con il sostegno pieno della Parrocchia della Cattedrale, si offre alla Città tutta come punto di riferimento per i bambini, per i ragazzi ed i giovani. Sarà benedetta la nuova sala giochi, il punto giovane, la sala da biliardo, la nuova sala audio-video. Sarà possibile visitare anche una mostra fotografica che racconta l’anno di catechesi appena trascorso dal titolo “Catechesi a Colori”. Interverranno alla cerimonia il Sindaco di Adria Massimo Barbujani e il Presidente degli Oratori NOI di Rovigo Severino Zennaro.

IMG_20140404_162949

Ad impartire la benedizione ai locali sarà Mons. Claudio Gatti, Vicario Generale della Diocesi, assistito da Mons. Mario Furini Arciprete della Cattedrale. Non sarà solo l’inaugurazione di strutture, ma soprattutto un inizio di vita insieme per i circa 500 tesserati del Centro Giovanile, che durante il tempo Estivo intensifica la propria attività. Prenderà inizio l’11 giugno, fino al 18 luglio, il Grest, per i ragazzi dai 6 ai 13 anni, con proposte di animazione, gioco e formazione, sotto la guida di un gruppo affiatato di 35 animatori di età compresa tra i 15 ed i 18 anni. A coordinare l’attività don Luca Borgna, con l’aiuto dei volontari e degli operatori adulti del Centro.

Ingresso mostra

L’Estate poi proseguirà con le attività esterne al Centro Giovanile come i Campiscuola e i Campi Scout: dal 19 al 26 luglio partiranno i ragazzi delle Elementari e delle Medie per il loro Camposcuola che si terrà a Redagno (BZ), in collaborazione con la Parrocchia di San Vigilio. Poi sarà la volta degli Scout, in particolare dei più grandi, i Rovers e le Scolte (giovani fra i 16 e i 22 anni) i quali prenderanno parte al Raduno nazionale degli Scout AGESCI (Associazione delle Guide e degli Scout Cattolici Italiani), denominato Route Nazionale dal 1 al 10 agosto. Poi partiranno i Lupetti, gli Esploratori e le Guide nella prima parte di Agosto. L’ultima esperienza estiva sarà il campo a Roma per i Giovani delle Superiori ed oltre, dal 18 al 22 agosto per incontrare Papa Francesco e visitare la Città eterna.

Interno 3

I Bambini della Scuola dell’ Infanzia paritaria Maria Immacolata alla scoperta del nostro territorio

Immagine

Bibo presenta il Delta del Po

 ALCUNE RAPPRESENTANTI ASILO IMMACOLATA DELLA CATTEDRALE A ROMA

Quest’estate per 4 settimane dal 1 al 25 luglio, la Scuola dell’ Infanzia paritaria Maria Immacolata (che quest’anno compie 60 anni di attività) organizza l’Attività Estiva per i bambini dai 3 ai 6 anni.

Bibo, un fenicottero rosa, che abita nel Delta del Po fa l’esploratore come Indiana Jones.

Attraverso Bibo i bambini conosceranno nel corso delle 4 settimane gli elementi caratteristici della nostra terra. Bibo sarà accompagnato da due amici Lallo, il ragno e Lalla, la farfalla e insieme a loro vivrà simpatiche avventure al mare e in città.

Al mare scoprirà simpatici amici e chiederà loro di aiutarlo a pulire la spiaggia, conoscerà delle case tipiche “I casoni” girando con la sua bici.

Tornando a casa Bibo sentirà nostalgia dei giochi fatti al mare, così ricostruirà in città e nel giardino della nostra scuola il Delta.

In continuità con la programmazione scolastica, il materiale usato sarà di recupero e riciclo.

L’animazione estiva è programmata per le 4 settimane di luglio; le famiglie dei bambini potranno scegliere tra orario pieno (8.30-16) o ridotto (8.30 -12).

Il Servizio è rivolto anche ai bambini iscritti alle altre scuole dell’infanzia del territorio, sia paritarie che statali fino all’esaurimento dei posti disponibili.

La Direzione Scolastica di via Turati 4, ricorda che le iscrizioni per l’anno scolastico 2014-15 sono ancora aperte sia per la Scuola dell’Infanzia sia per la Sezione Primavera ( bambini da 24-36 mesi).

La nostra Scuola d’Infanzia Maria Immacolata era presente all’incontro con il Papa a Roma sabato 10 maggio, e, tra le varie espressioni citate nella splendida manifestazione, ne ricorda alcune significative:

Si vede che questa manifestazione non è ‘contro’, è ‘per’ - ha dichiarato papa Francesco. Non è un lamento, è una festa, una festa per la scuola. Sappiamo bene che ci sono problemi e cose che non vanno, lo sappiamo, ma voi siete qui, noi siamo qui perché amiamo la scuola”. E ha aggiunto: “Per favore, non lasciamoci rubare l’amore per la scuola”.

Nei primi anni si impara a 360 gradi, poi piano piano si approfondisce un indirizzo e infine ci si specializza. Ma se uno ha imparato a imparare, questo gli rimane per sempre, rimane una persona aperta alla realtà.

Un buon arrivederci a Scuola!!

La Direzione, le Docenti e tutto il Personale